Secondo la revista ” Le Point ” in che modo una spia marocchina è stata incaricata di infiltrarsi nel Consiglio francese per il culto musulmano (CFCM) !!

0 147

Dopo l’affare Pegasus, è il nuovo scandalo che si annida: come una spia dal Marocco è stata accusata di infiltrarsi nel Consiglio francese del culto musulmano (CFCM).
Mohamed B. è un fantasma. L’ortografia del suo vero nome è incerta e l’Ispettorato Generale della Polizia Nazionale (IGPN) ha avuto grandi difficoltà a trovare una sua fotografia. Ha appena saputo che è nato nel giugno del 1964 in Marocco e che era considerato dalla prefettura del Basso Reno come celibe, titolare di una carta di soggiorno francese dall’ottobre 2010. Il suo vero indirizzo è il n. Le indagini svolte presso la sua unica abitazione nota, a Bischheim, in Alsazia, non hanno dato esito, costringendo gli inquirenti a redigere un verbale di “perquisizioni non andate a buon fine”. Dal 13 febbraio 2018, quando è stato emesso un mandato di cattura per lui, l’uomo è semplicemente evaporato. Perseguito per aver corrotto pubblici ufficiali in Francia, è conosciuto nel piccolo circolo dell’intelligence solo per il suo fascicolo “S03” (ricerca di informazioni senza attirare l’attenzione), che lo designa come agente dei servizi segreti marocchini. È anche sospettato, secondo le nostre informazioni, di aver cercato di esercitare una presa sull’Islam di Francia “tamponando” il presidente del Consiglio francese del culto musulmano (CFCM), Mohammed Moussaoui

inizia, come rivelato al momento della Liberazione, con un’informazione anonima pervenuta all’IGPN l’11 luglio 2016, secondo la quale due membri della polizia di frontiera (PAF) forniscono file di polizia a una forza straniera, in cambio di denaro e viaggi Tutte le spese pagate. Viene aperta un’inchiesta a Creil (Oise), che sta lavorando per chiarire le esatte funzioni di Charles D., agente di polizia all’aeroporto di Orly. Il 60enne verifica l’identità di tutte le persone che transitano presso i varchi doganali e registra l’andirivieni dei fascicoli “S” o di quelli registrati, per un motivo o per l’altro, nel Fascicolo dei Ricercati (FPR). Le informazioni che gestisce sono quindi altamente sensibili. Alcuni sono classificati come difesa riservata. Molto rapidamente, le indagini confermeranno che Charles D. ha un forte rapporto telefonico con un certo Driss A., al quale fornisce informazioni e cosiddetti badge “verdi”, sorta di privilegi che consentono ai contatti di Driss di facilitare il loro attraversamento al confine… E per evitare alcune misure di controllo.
[…]

Secondo le informazioni del Point, i legami tra il presidente del CFCM e il Marocco sono oggi così forti che le entrate dell’affitto dell’appartamento parigino occupato da Mohammed Moussaoui sono indirizzate direttamente a un certo Samir X., numero 3 della DGED di Parigi . Quest’ultimo, che agisce sotto copertura diplomatica – è ufficialmente considerato addetto all’ambasciata del Regno del Marocco in Francia – paga così un conto di diverse migliaia di euro all’anno. Una pratica che va avanti da anni sotto la guida di Mohamed B. Questi rapporti e questo tentativo di ingerenza del Marocco rischiano di destare grande preoccupazione ai vertici dello Stato, mentre il ministro dell’Interno punta alla riforma in- governo profondo della religione musulmana in Francia. Una riforma dovrebbe emergere all’inizio del prossimo anno dopo una fase di consultazione iniziata quest’anno.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.